Ricevi le nostre offerte

Direttive europee e leggi italiane relative ai DPI 


La Direttiva 89/656/CEE fissa le prescrizioni minime in materia di sicurezza e salute per l'uso da parte dei lavoratori di attrezzature di protezione individuale durante il lavoro. Essa definisce DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere portata o tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio destinato a tale obiettivo. Essa stabilisce inoltre gli obblighi dei datori di lavoro in materia.


La Direttiva 89/686/CEE stabilisce le prescrizioni di progettazione e fabbricazione dei DPI (regole generali di progettazione e procedure di certificazione).


Essa stabilisce inoltre le condizioni di immissione sul mercato e della libera circolazione intracomunitaria, nonchè i requisiti essenziali di sicurezza che i DPI devono soddisfare per preservare la salute e garantire la sicurezza degli utilizzatori.


La Direttiva 89/686/CEE (attuata dal D.Lgs. 475/92) suddivide i DPI in tre categorie:


DPI di PRIMA categoria (D.Lgs. 475/92)


DPI di progettazione semplice destinati a salvaguardare la persona da rischi di danni fisici di lieve entità:

  • azioni lesive con effetti superficiali prodotte da strumenti meccanici; 
  • azioni lesive di lieve entità e facilmente reversibili, causate da prodotti per la pulizia;
  • rischi derivanti dal contatto o da urti con oggetti caldi, che non espongano ad una temperatura superiore ai 50° C;
  • ordinari fenomeni atmosferici, nel corso di attività professionali;
  • urti lievi e vibrazioni, inidonei a raggiungere organi vitali ed a provocare lesioni a carattere permanente;
  • azione lesiva dei raggi solari.


Il lavoratore che usa il DPI ha la possibilità di valutarne l'efficacia e di percepire, prima di riceverne pregiudizio, il progressivo verificarsi di effetti lesivi.


DPI di SECONDA categoria (D.Lgs. 475/92)


Appartengono alla seconda categoria, i DPI che non rientrano nelle altre due categorie.


DPI di TERZA categoria (D.Lgs. 475/92)


DPI di progettazione complessa destinati a salvaguardare l'utilizzatore da rischi di morte o di lesioni gravi e di carattere permanente. Il lavoratore che usa il DPI non ha la possibilità di percepire tempestivamente il verificarsi istantaneo di effetti lesivi. Per ogni DPI di terza categoria è indispensabile una specifica formazione e un addestramento all'uso. Rientrano nella terza categoria, i DPI destinati a proteggere dalle cadute dall'alto (h > 2 m).


La Direttiva 89/686/CEE definisce inoltre le procedure di certificazione dei DPI.

Prima di procedere alla produzione di un DPI di terza categoria, il fabbricante deve rivolgersi ad un organismo notificato designato dalla Commissione europea, il cui compito è quello di effettuare la certificazione CE del DPI, verificandone la conformità alla Direttiva e alle Norme tecniche di riferimento. Se il DPI risulta conforme alle disposizioni che lo riguardano, l'organismo redige un Attestato di Certificazione CE a nome del fabbricante. Il fabbricante, una volta ottenuto tale attestato, può redigere la Dichiarazione di Conformità CE e apporre sul DPI la marcatura CE.


I DPI di progettazione semplice (PRIMA CATEGORIA) sono esonerati dall'Attestato di Certificazione CE, ma devono essere oggetto di una Dichiarazione di Conformità CE e devono essere provvisti di marcatura CE.


Ciascun DPI, indipendentemente dalla categoria di appartenenza, deve avere una propria marcatura contenente diversi elementi (marchio CE, identificativo del fabbricante, norma tecnica di riferimento se presente, modello del DPI, ecc.), e deve avere una nota informativa, redatta nella o nelle lingue degli Stati in cui viene commercializzato. Alcuni DPI possono essere accompagnati anche da un libretto d'istruzioni o da un manuale d'installazione.

PDF SCARICABILI

Allegati-I-II-III-Direttiva-89.656.CEE.pdf

Normative-Abbigliamento-DPI-Protezione-Corpo.pdf

Normative-DPI-Anticaduta.pdf

Normative-DPI-Protettori-Vie-Respiratorie-Viso-Occhi-Udito-Capo.pdf

Normative-DPI-Protezione-Mani.pdf

 


top